Trovare il cibo adatto al nostro amico a quattro zampe non è semplice come potrebbe sembrare.

Ad un primo pensiero sfamare il nostro cane può apparire come un compito quasi meccanico, ma la scelta della corretta alimentazione è tutt’altro che scontata.

Questo perché ogni cane, esattamente come essere umano, ha le sue esigenze, i suoi gusti e perché no, anche le sue intolleranze, ma soprattutto perché esiste una gamma davvero incredibile di prodotti per il pet food.

Partendo dal presupposto che è sempre meglio affidarsi a realtà quali DogBauer nella vita reale così come online, poiché sono in grado di rispondere a qualsiasi nostro dubbio e di indirizzarci verso la scelta più giusta, proviamo in queste righe a stilare una breve guida da seguire per creare la corretta dieta alimentare per il cane.

Andiamo a vedere quali sono gli elementi (ed alimenti) essenziali, quali invece evitare e così via.

Alimentazione cane: gli alimenti necessari

L’intera dieta dovrà essere basata su un concetto fondamentale: l’equilibrio. Tutti i cani fanno ovviamente parte della categoria dei carnivori, e dunque necessitano di proteine animali in maniera più che sostanziosa.

Queste possono derivare dalla carne – di ogni tipo, anche di pesce – ma anche da altri alimenti quali l’uovo. E dovranno andare a comporre all’incirca il 50% del totale nutrizionale dei nostri amici pelosi.

Queste percentuali possono ovviamente variare in base al singolo cane ed anche alla razza di cui fa parte: come tutti sappiamo è importante la suddivisione tra cani di piccola, media o grande taglia per quanto riguarda il cibo a loro più consono.

Dunque il 50% sopra segnalato è chiaramente una percentuale indicativa. Seguendo però questa suddivisione, da che cosa deve essere composta l’altra metà del totale nutritivo?

Fondamentalmente da verdure e carboidrati. Da evitare invece grassi e zuccheri.

Detto delle variabili – che possono dipendere anche dall’età del cane, dalla sua eventuale gravidanza e da molti altri fattori – in generale possiamo dire che, per arrivare a comporre una dieta sana ed equilibrata, dovremo trovare un bilanciamento anche tra l’alimentazione casalinga e quella industriale.

Di questa seconda categoria di cibo fanno ovviamente parte le famose crocchette, ormai estremamente diffuse.

La maggior parte dei cani viene infatti oggigiorno nutrita attraverso le crocchette, ovvero cibo secco preconfezionato: queste possono vantare una gamma di prodotti incredibile. Non tutte le marche però sono uguali, ed è importante assicurarci di dare al nostro cane un cibo di qualità.

Per questo è fondamentale controllare sempre tutti i valori nutrizionali riportati sulle etichette delle confezioni.

Cosa evitare e la “Dieta Barf”

Se abbiamo visto quali sono gli elementi che devono comporre una dieta perfetta per un cane, andiamo adesso ad osservare quelli che invece sono da evitare.

Come abbiamo già accennato, è fondamentale tenere i nostri cani lontani dagli zuccheri: i cibi che ne contengono una quantità troppo elevata possono causare loro gravi danni, fino a rivelarsi addirittura letali.

Da evitare anche i grassi eccessivi ed alimenti quali cipolla, aglio, frutta secca ed alcune verdure quali cavoli e spinaci, così come l’avocado e le uova crude.

Un’altra importante raccomandazione è quella di evitare gli ossicini di pollo, poiché possono essere tremendamente pericolosi andando a rischiare di bucargli l’intestino.

Ad ogni modo sono tante le tipologie di dieta per i nostri amici pelosi che sono emerse nel corso degli anni, ed una sempre più in voga è la cosiddetta Dieta Barf: un tipo di alimentazione ideata negli anni ’80 da un veterinario australiano e che solo successivamente si è diffusa in Europa.

In che cosa consiste questo regime alimentare? Sostanzialmente, sul principio di alimentazione casalinga totale a base di carne scelta, unita a frutta e verdura: nessun altro alimento è presente in questa dieta, che fa osservare al cane un giorno di digiuno a settimana.